GIPSOTECA
CASALBELTRAME



committente: Comune di Casalbeltrame
progetto: Dap studio
strutture: Dap studio
impianti: Dap studio
cronologia: 2002 
Il progetto per il concorso della nuova gipsoteca è costituita da un corpo di fabbrica principale alto 11 metri che riprende in pianta le proporzioni dei fabbricati bassi mentre l’ altezza è quella, all’incirca, del Palazzo Bracorens.
Verso il palazzo il volume è lineare e compatto; sul lato opposto, verso gli spazi aperti, il museo presenta un fronte più ricco e articolato: una serie di volumi di dimensioni e altezze diverse aggettano, dinamicamente, verso l’esterno.
L’idea è quella di evidenziare, come in una successione di ‘stanze’ individuabili anche esternamente, la scansione del percorso espositivo all’interno.
Il progetto prevede, inoltre, che lungo tale fronte venga realizzata, esternamente, una grande vasca d’acqua che si sviluppa in corrispondenza di tutta la lunghezza dell’edificio.
La vasca, pur esterna, è da intendersi come parte integrante dell’edificio, una sorta di proiezione a terra del volume principale in cui si riflettono i volumi aggettanti.
L’acqua ha la funzione di creare una distanza tra il museo e il giardino retrostante, individuando un’area di rispetto.
Poco sopra la superficie dell’acqua alcune zone pavimentate in legno riprendono il profilo dei volumi in aggetto.
L’entrata al museo avviene sulla ‘testa’ del corpo principale, in una posizione visibile dal parco d’ingresso e in asse con il Palazzo.
Davanti al museo un’area esterna libera crea una zona filtro rispetto al Palazzo originando una sorta di piazzale antistante l’edificio. Tale spazio potrà essere oggetto di un disegno in grado di valorizzare la presenza della gipsoteca.